Home » News, Primo Piano » Albanella. Rietra il pericolo della potabilità dell’acqua comunale. Analisi regolari

Albanella. Rietra il pericolo della potabilità dell’acqua comunale. Analisi regolari

E’ passato il pericolo che ha visto la presenza di microbatteri nella condotta comunale al capoluogo per cui era stata emanata ordinanza di divieto dell’apprivvigionamento dell’acqua potabile (previa bollitura) che ha riguradato, (ripetiamo) solo il capoluogo comunale e non le frazioni. L’ordinanza n.15/2018 ripristina la possibilità di bere acqua delle fonti comuni e dai rubinetti del capoluogo cittadino.

Ecco l’ordinanza:

Your IP Address is:
54.166.141.69

Short URL: http://www.matinella.it/?p=25241




Articolo letto: 2052 volte

Scritto da su Giu 22 2018. Archiviato come News, Primo Piano. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti sono temporaneamente chiusi, ma puoi usare il trackback dal tuo sito




Commenti chiusi

Articoli recenti







TOP VIDEO

Previsioni Meteo

UserOnline

0 Users Browsing This Page.
Users:


Video

Matinella.it è un blog di indicizzazione e catalogazione notizie inerenti il territorio della Piana del Sele, del Cilento ed a tratti di carattere nazionale. Lo scopo di catalogazione è rivolto all'utente per reperire informazioni sulle notizie che si trovano su siti non di proprietà o non controllati dal medesimo. Matinella.it non rivendica diritti di proprietà sulle notizie, che sono detenuti dai siti dei quali si viene riconosciuta la proprietà indicata nella fonte. L'utente visualizzerà il contenuto del sito unicamente per uso personale (vale a dire non commerciale) e non può altresì copiare, riprodurre, alterare, modificare, e vendere o visualizzare pubblicamente qualsiasi contenuto. Inoltre è concesso l'uso dei testi e foto di proprietà di Matinella.it purchè venga, sempre, citata la fonte nel rispetto deontologico della categoria.
© 2018 Matinella.it – Blog. All Rights Reserved. Accedi Questo sito è protetto da GePi-CopyRightPro High Level

- Designed by Gabfire & Gerardo Picilli