Home » Primo Piano » Albanella. Il coronavirus non ferma i roghi notturni. La denuncia dell’Ass.re Cammarano

Albanella. Il coronavirus non ferma i roghi notturni. La denuncia dell’Ass.re Cammarano

Nonostante il periodo particolarmente drammatico per gli effetti del coronavirus, non si fermano i roghi notturni. A lanciare la denuncia è l’ass.re del Comune di Albanella, Maria Teresa Cammarano che nella contrada San Nicola ha ricevuto decine di lamentela da parte di alcuni residenti.

«Nonostante il divieto di uscire di casa – denuncia l’ass.re Maria Teresa Cammarano – alcuni stolti pensano di essere furbi. Al calare del sole escono di casa per appiccare il fuoco a cumuli di immondizia e sterpaglie, in più casi, sotto nascondono materiale plastico la cui puzza acre si diffonde entrando nelle abitazioni.

Più persone mi hanno segnalato dove avvengono questi roghi, infatti ho segnalato tutto alle forze dell’ordine e spero che gli autori la paghino amaramente! Ringrazio, invece tutte quelle persone che mi hanno segnalato la problematica e si sono dimostrate sensibili e rispettose dell’ambiente – conclude la Cammarano».

Ancora una volta ci si trova a fronteggiare l’ignoranza di determinate persone che non capiscono quanto possa essere dannoso bruciare plastica e rifiuti: la diossina è tra le prime cause delle patologie cancerose e nel 2020 ancora si pensa che bruciare plastica è un modo giusto per disfarsene eppure il servizio di raccolta rifiuti porta a porta sul territorio è erogato con regolarità: gli operatori ritirano i rifiuti davanti alle porte di tutte le case.

Ma cosa rischia chi getta rifiuti e brucia plastica?

Chi brucia rifiuti in aree non autorizzate è punito con la reclusione da 2 a 5 anni. Nel caso si brucino rifiuti pericolosi, la pena per il trasgressore va da 3 a 6 anni. La pena è aumentata di un terzo se il reato è commesso nell’esercizio di attività d’impresa. Il testo unico ambientale e successive modifiche in particolare apportate dalla hanno definito le sanzioni amministrative a carico di chi abbandona o getta rifiuti sul suolo o nelle acque. La multa per i rifiuti urbani arriva a 3.000 euro, per chi abbandona o getta rifiuti (anche dal finestrino di un auto),  da un minimo di 300 euro.

Nel caso di specie, chi oggi brucia rifiuti uscendo di casa è passibile anche di denuncia penale, in virtù dei provvedimenti che impediscono gli spostamenti, se non per comprovati motivi, con l’arresto fino a 3 mesi o un’ammenda fino a 206 euro.

Your IP Address is:
3.231.220.139

Short URL: http://www.matinella.it/?p=27749




Articolo letto: 973 volte

Scritto da su Mar 23 2020. Archiviato come Primo Piano. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti sono temporaneamente chiusi, ma puoi usare il trackback dal tuo sito






Commenti chiusi

Articoli recenti







TOP VIDEO

Previsioni Meteo

UserOnline

0 Users Browsing This Page.
Users:


Video

Matinella.it è un blog di indicizzazione e catalogazione notizie inerenti il territorio della Piana del Sele, del Cilento ed a tratti di carattere nazionale. Lo scopo di catalogazione è rivolto all'utente per reperire informazioni sulle notizie che si trovano su siti non di proprietà o non controllati dal medesimo. Matinella.it non rivendica diritti di proprietà sulle notizie, che sono detenuti dai siti dei quali si viene riconosciuta la proprietà indicata nella fonte. L'utente visualizzerà il contenuto del sito unicamente per uso personale (vale a dire non commerciale) e non può altresì copiare, riprodurre, alterare, modificare, e vendere o visualizzare pubblicamente qualsiasi contenuto. Inoltre è concesso l'uso dei testi e foto di proprietà di Matinella.it purchè venga, sempre, citata la fonte nel rispetto deontologico della categoria.
© 2020 Matinella.it – Blog. All Rights Reserved. Accedi Questo sito è protetto da GePi-CopyRightPro High Level

- Designed by Gabfire & Gerardo Picilli