Home » Cronaca, News, Primo Piano » Omicidio Stradale, fino a 18 anni di carcere a chi lo commette sotto effetto alcol o droghe

Omicidio Stradale, fino a 18 anni di carcere a chi lo commette sotto effetto alcol o droghe

Solo 20 contrari. L’Aula della Camera ha approvato con 276 voti favorevoli il ddl sul nuovo reato di omicidio stradale e lesioni personali stradali. Modificato, il testo ora torna per la terza lettura al Senato, dove però l’approvazione dovrebbe essere decisamente rapida.
La legge prevede tre diversi gradi di reato. Se la morte viene causata in violazione del codice della strada, la pena rimane quella prevista oggi, ossia tra due e sette anni. Se la morte viene causata da un automobilista con tasso alcolemico superiore a 0,8 grammi per litro, la pena va da 5 a 10 anni. Ed è la medesima anche per chi abbia adottato al volante condotte pericolose, a partire dall’eccesso di velocità. Se chi guida è in stato di alterazione, per ebbrezza grave – oltre 1,5 grammi per litro – o uso di droghe, la pena sale da 8 a 12 anni. E se l’omicidio è di più persone si sale a 18 anni.  Più gravi anche le pene per chi causa lesioni. Se chi guida è sotto effetto di alcol o droghe, la pena va da 3 a 5 anni per lesioni gravi e da 4 a 7 per quelle gravissime.

La reclusione va da un anno e sei mesi fino a tre per lesioni gravi e da 2 a 4 per le gravissime, nel caso in cui l’automobilista abbia un tasso alcolemico alto – soglia 0,8 grammi per litro – o l’incidente sia stato causato da manovre pericolose. Se l’automobilista dopo l’incidente scappa, la pena viene aumentata da un terzo a due terzi, e non può essere inferiore ai cinque anni per omicidio e tre per lesioni.  In caso di condanna o patteggiamento la patente viene automaticamente revocata e potrà essere nuovamente conseguita solo dopo 15 anni, in caso di omicidio, e 5 in caso di lesioni. In caso di fuga, la revoca sale a trent’anni. Una legge più dura dunque, come richiesto più volte dalle associazioni per le vittime della strada: la versione precedente prevedeva l’obbligo di arresto in flagranza. E solo per l’omicidio. Le lesioni non erano contemplate.  Ora, in tutti i casi nei quali ci siano vittime, sarà l’Autorità a decidere. E così adesso non rimangono che pochi passi prima dell’approvazione definitiva della legge…continua a leggere dalla fonte

fonte foto:internet – fonte testo:Leggo.it

Your IP Address is:
3.231.220.225

Short URL: http://www.matinella.it/?p=20843




Articolo letto: 10841 volte

Scritto da su Ott 29 2015. Archiviato come Cronaca, News, Primo Piano. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Commenti sono temporaneamente chiusi, ma puoi usare il trackback dal tuo sito






Commenti chiusi

Articoli recenti







TOP VIDEO

Previsioni Meteo

UserOnline

0 Users Browsing This Page.
Users:


Video

Matinella.it è un blog di indicizzazione e catalogazione notizie inerenti il territorio della Piana del Sele, del Cilento ed a tratti di carattere nazionale. Lo scopo di catalogazione è rivolto all'utente per reperire informazioni sulle notizie che si trovano su siti non di proprietà o non controllati dal medesimo. Matinella.it non rivendica diritti di proprietà sulle notizie, che sono detenuti dai siti dei quali si viene riconosciuta la proprietà indicata nella fonte. L'utente visualizzerà il contenuto del sito unicamente per uso personale (vale a dire non commerciale) e non può altresì copiare, riprodurre, alterare, modificare, e vendere o visualizzare pubblicamente qualsiasi contenuto. Inoltre è concesso l'uso dei testi e foto di proprietà di Matinella.it purchè venga, sempre, citata la fonte nel rispetto deontologico della categoria.
© 2020 Matinella.it – Blog. All Rights Reserved. Accedi Questo sito è protetto da GePi-CopyRightPro High Level

- Designed by Gabfire & Gerardo Picilli