Home » Diritti&Rovesci, News, Primo Piano » Service Tax: in arrivo la nuova tassa comunale per i servizi, la RES!

Service Tax: in arrivo la nuova tassa comunale per i servizi, la RES!

Il Ministro per la Semplificazione Normativa, Roberto Calderoli

Primi effetti del federalismo. Una nuova tassa per i “servizi comunali”: dal 2013 in arrivo la RES, la tassa per Rifiuti e Servizi.

Ufficialmente si tratta solo di una semplificazione normativa, un nuovo tributo, cioè, che andrà a sostituire la Tassa per lo Smaltimento dei rifiuti solidi urbani (la cd. TARSU comunale) e la Tariffa di Igiene Ambientale (TIA).

i

In verità, secondo molti, è una vera e propria “nuova” tassa, che si aggiunge a quelle già versate dal contribuente!

La RES (si chiamerà così, RES ovvero “Rifiuti e Servizi”), sebbene ideata, formalmente, per andare a sostituire la TARSU e la TIA (che a breve andranno “in pensione”), comprenderà in realtà anche altre quote di tassazione che il cittadino dovrà versare ai Comuni per alcuni servizi comunali. Si tratta di quei servizi i cui costi attualmente gli enti “coprono” con i sempre più ridotti “trasferimenti” dallo Stato (risorse che lo Stato versa ai Comuni).

La RES, infatti, ingloberà anche un’aliquota per la sicurezza, un’aliquota per l‘illuminazione pubblica e un’aliquota per la gestione delle strade e luoghi pubblici (manutenzione e pulizia). Dunque, di fatto, accanto alla vecchia TARSU si affiancheranno altre quote che i contribuenti verseranno per coprire i costi di alcuni “servizi comunali” (tra i più costosi per un ente), ad oggi in realtà sottratti a qualsiasi tipo di tassazione.

La nuova tassa, RES, è stata elaborata dai tecnici del Dipartimento per la Semplificazione Normativa ed inclusa nel decreto legislativo approvato dal Consiglio dei Ministri del 24 ottobre 2011 e contenente le ultime norme in materia di federalismo.

Federalismo fiscale: a fronte delle "nuove tasse" federali, lo Stato rinuncerà a parte delle proprie?

Il nuovo tributo comunale entrerà in vigore dal 2013, a partire dal quale scomparirà la vecchia TARSU e i comuni potranno esigere il pagamento della nuova tassa: i cittadini, dunque, dal 2013, oltre che per il servizio rifiuti – che già oggi pagano e in quantità davvero intollerabili – pagheranno anche per l’illuminazione pubblica, per la messa in sicurezza del territorio, per la pulizia e la manutenzione di strade, vie e piazze.

Le quote da pagare saranno così determinate.

L’aliquota per i “rifiuti” sarà sempre proporzionata “alle quantità e qualità medie ordinarie di rifiuti prodotte per unità di superficie, in relazione agli usi e alla tipologia di attività svolte”, così come avviene già oggi: si paga insomma in base alla superficie dell’immobile di proprietà (e dunque siamo ancora lontani dal passaggio da “tassa” a tariffa a peso, come l’Europa da anni ci invita a fare!).

Mentre invece la componente per i “servizi” (illuminazione pubblica, sicurezza e gestione di strade ed aree pubbliche) sarà calcolata in base al valore dell’immobile. Tale valore sarà determinato da un’aliquota comunale che i Comuni dovranno fissare con regolamento e i cui indici potranno variare in base alle proprie esigenze erariali (così come avviene per l’ICI).

La casa. Le dimensioni e il valore dell'immobile determineranno la quantità di tributi da pagare!

Insomma, l’Italia si mette al passo con l’Europa, dove i cittadini solitamente “pagano” per ogni servizio offerto dal comune di riferimento. Ma è indubbio che si tratta di paesi che offrono servizi di una qualità decisamente superiore a quella offerta dalla maggior parte dei Comuni italiani! D’altra parte i dati parlano da sè: l’Italia è il paese con una delle tassazioni più alte nell’Unione, a cui fa da contraltare tuttavia una qualità di servizi offerti tra i più scadenti in Europa!

La RES sarà una vera “resa dei conti” per determinare la qualità del sistema tributario degli enti territoriali: una tassa che per i Comuni virtuosi sarà l’occasione per finanziare il miglioramento dei servizi che già offre alla propria comunità. Ma c’è davvero il rischio che diventi per i cittadini l’ennesima “manganellata tributaria”: uno strumento di ingiusto tartassamento dei contribuenti soprattutto in quei casi in cui, come spesso avviene, i Comuni esigono il pagamento di tasse anche in assenza di adeguati servizi!

Your IP Address is:
3.236.218.88

Short URL: http://www.matinella.it/?p=9518




Articolo letto: 18697 volte

Scritto da su Ott 31 2011. Archiviato come Diritti&Rovesci, News, Primo Piano. Puoi seguire tutti i commenti di questo articolo via RSS 2.0. Puoi lasciare una risposta o un trackback a questa voce










Devi effettuare il login per inserire un commento Login

Articoli recenti





Previsioni Meteo



TOP VIDEO









TraSud - Matinella





Hippo Market Alimentari - Matinella

Panuozzo&Pizza da Tina - Capaccio Scalo (Sa) Via Magna Graecia - Tel.:0828.723172
Grafica Letizia srl - TIPOLITOGRAFIA - Capaccio Scalo (Sa)

UserOnline

0 utenti Vedendo questa pagina.
Utenti:


Video



Matinella.it è un blog di indicizzazione e catalogazione notizie inerenti il territorio della Piana del Sele, del Cilento ed a tratti di carattere nazionale. Lo scopo di catalogazione è rivolto all'utente per reperire informazioni sulle notizie che si trovano su siti non di proprietà o non controllati dal medesimo. Matinella.it non rivendica diritti di proprietà sulle notizie, che sono detenuti dai siti dei quali si viene riconosciuta la proprietà indicata nella fonte. L'utente visualizzerà il contenuto del sito unicamente per uso personale (vale a dire non commerciale) e non può altresì copiare, riprodurre, alterare, modificare, e vendere o visualizzare pubblicamente qualsiasi contenuto. Inoltre è concesso l'uso dei testi e foto di proprietà di Matinella.it purchè venga, sempre, citata la fonte nel rispetto deontologico della categoria.
© 2021 Matinella.it – Blog. All Rights Reserved. Accedi Questo sito è protetto da GePi-CopyRightPro High Level - Designed by Gabfire & Gerardo Picilli