La polemica Realacci: quante bugie. Il sottosegretario Saglia:Nessun progetto!

    67
    0

    Centrale NucleareQuella lanciata dal presidente di Legambiente Campania, Michele Buonomo, non è solo una provocazione. «La nostra regione – commenta – è tra le undici che hanno avanzato ricorso alla Corte Costituzionale nei confronti della norma varata dal governo che prevede la possibilità di avviare la costruzione di una centrale nucleare o di un impianto di trattamento di scorie anche in presenza di un parere contrario delle istituzioni interessate. E questo ci fa riflettere. Oltre Foce Sele, rischia anche il Garigliano». Il sottosegretario allo Sviluppo economico Stefano Saglia , in una risposta ad un’interpellanza alla Camera, ribadisce: «una mappa dei siti delle centrali nulceari non solo non c’è ancora ma non ci sarà neanche fra un anno». Saglia ricorda che «le macroaree idonee alla realizzazione di centrali saranno individuate in maniera trasparente» e che «lo schema di decreto legislativo, approvato dal Consiglio dei ministri prevede che l’Agenzia per la sicurezza nucleare definisca solo i parametri relativi alle caratteristiche ambientali e tecniche cui devono rispondere le aree per essere idonee, sulla base dei dati tecnico-scientifici predisposti da enti pubblici di ricerca». «Saglia è una persona seria – spiega il presidente onorario di Legambiente Ermete Realacci – ma quello che lui definisce macro-aree idonee, altro non è che una mappa di siti potenzialmente idonei. E dal momento che i criteri di base per individuare un’area dove costruire una centrale non sono certo cambiati negli ultimi anni, è logico pensare che la mappa di 45 siti redatta nel 1979 sia sempre valida».

     


    Articoli PrecedentiFare shopping fa bene
    Articolo SuccessivoMatinella. Cucciolo di cane investito, parte la macchina solidale

    Invia una risposta

    Please enter your comment!
    Please enter your name here