Dal 16 al 25 aprile torna la "Settimana della Cultura"

    35
    0

    di Gerardo Picilli.

    Settimana della CulturaL’evento culturale piu’ atteso dell’anno: la XII Settimana della Cultura. Il MiBAC apre gratuitamente, per dieci giorni, tutti i luoghi statali dell’arte: monumenti, musei, aree archeologiche, archivi, biblioteche con dei grandi eventi diffusi su tutto il territorio.
    Più di 3.000 appuntamenti per tutti i gusti: mostre, convegni, aperture straordinarie, laboratori didattici, visite guidate e concerti che renderanno ancora più speciale l’esperienza di tutti i visitatori. Un’occasione imperdibile per avvicinarsi alla più grande ricchezza del nostro Paese: il nostro patrimonio artistico e culturale.

    Una risorsa per il Paese
    La Settimana della Cultura, giunta alla dodicesima edizione, apre ancora una volta a tutti gli italiani e ai turisti stranieri le porte dei musei, monumenti, aree archeologiche, archivi e biblioteche statali. Un evento diffuso su tutto il territorio che, anno dopo anno, riscuote un crescente successo di pubblico, segno di una voglia di cultura che non conosce crisi, a cui si aggiunge che nel caso specifico in questa iniziativa il nostro patrimonio culturale viene promosso in modo adeguato con aperture straordinarie e gratuite. La nuova Direzione Generale per la Valorizzazione del Patrimonio sta lavorando dallo scorso settembre, con risultati molto positivi, per migliorare l’accoglienza dei nostri musei, siti archeologici, archivi e biblioteche statali.

    L’Italia potrà così riconquistare il suo naturale ruolo di leader internazionale nel settore culturale e turistico, con importanti ricadute anche per la nostra economia. La Settimana della Cultura, così come avvenuto per San Valentino e per la Festa della Donna, viene promossa tramite una campagna di comunicazione di forte impatto e di capillare diffusione, in grado di veicolare messaggi anche attraverso i nuovi canali che la nuova tecnologia mette a disposizione per raggiungere tutte le fasce di utenza, comprese quelle che di solito non frequentano i luoghi d’arte.
    Non c’è miglior avvenimento dunque per immergersi nell’ineguagliabile patrimonio culturale italiano, vera risorsa materiale e immateriale del nostro Paese, che non conosce svalutazioni di sorta e rappresenta da sempre la massima espressione nel mondo del rinomato made in Italy.

    Dieci giorni per girare l’Italia alla ricerca di piccoli tesori nascosti e grandi capolavori conosciuti solo di nome ma mai pienamente vissuti. Dieci giorni per imparare ad amare di più il nostro Paese attraverso la sua più grande ricchezza, che ci riempie di orgoglio e viene ammirata in tutto il mondo: il patrimonio culturale. Un’occasione da cogliere durante la “XII Settimana della cultura”, tra il 16 e il 25 aprile, approfittando delle belle giornate di primavera che il Belpaese sa regalarci e soprattutto dell’ingresso gratuito in tutti i luoghi d’arte statali.
    Con la Settimana della Cultura il MiBAC mette in vetrina le sue bellezze, grazie al lavoro di tutto il suo personale, centrale e periferico, che vi accoglierà con professionalità e cortesia, per regalarvi una esperienza emozionante da tutti i punti di vista.

    Conoscere il nostro patrimonio culturale vuol dire anche amarlo, difenderlo e valorizzarlo. Vuol dire anche diventare dei cittadini migliori.


    Articoli PrecedentiBorse di studio e premi
    Articolo SuccessivoAssegnazione contributi per asilo nido e servizi per l’infanzia

    Invia una risposta

    Please enter your comment!
    Please enter your name here