Lampade solari: il rischio melanoma aumenta del 74%

    165
    0

     

    docciaIl rischio di sviluppare il melanoma – il più mortale dei cancri alla pelle – aumenta del 74% tra i soggetti che fanno uso di lettini e docce abbronzanti. E nel caso di docce a raggi esclusivamente UVA (e non UVA+UVB) il rischio di melanoma aumenta di 4,4 volte. I nuovi dati emergono da uno studio condotto dall`University of Minnesota pubblicato su Cancer, Biomarker&Prevention secondo cui più si fa utilizzo dell`abbronzatura indoor, più il rischio aumenta.
    Il team di DeAnn Lazovich ha raccolto i dati sui casi di melanoma in Minnesota dal 2004 al 2007, e hanno poi sottoposto i soggetti reclutati nello studio a interviste e questionari per comprendere quanto fossero utilizzatori dei lettini abbronzanti e da quanto tempo. I ricercatori hanno così scoperto che tra le 1.167 persone affette da melanoma i due terzi (63%) aveva usato lettini abbronzanti: “Abbiamo calcolato che chi fa largo uso di abbronzatura indoor ha, in totale, da 2,5 a 3 volte più probabilità di sviluppare un melanoma rispetto alle persone che non fanno uso di docce e lettini”, precisa DeAnn Lazovich, principale autore dello studio. Nell`ambito dello studio, precisano i ricercatori, per “largo uso” di abbronzatura indoor si intende, per ogni anno, almeno 50 ore di esposizione, oppure 100 sessioni, o almeno 10 anni di uso regolare. Tradotto in percentuale, “il rischio di sviluppare il melanoma è risultato del 74% più alto nelle persone che fanno uso regolare di abbronzatura artificiale”.
    “Il melanoma è il secondo tumore più comune diagnosticato nelle giovani donne. L`abbronzatura indoor – conclude Lazovich – è un problema ancora troppo sottovalutato”.


    Articoli PrecedentiCeliachia: scienza ed epidemiologia, nuovi approcci!
    Articolo Successivo"Guadagnare Salute"

    Invia una risposta

    Please enter your comment!
    Please enter your name here