Paestum: presentato il programma degli eventi per l'estate 2010. In concerto Ranieri, Arbore e D'Alessio

    49
    1

    Gerardo Picilli

    Ieri mattina, presso l’Ufficio di Rappresentanza del comune di Capaccio Paestum in Piazzetta della Basilica, si è tenuta la conferenza stampa di presentazione del programma degli eventi e spettacoli inerenti la stagione estiva 2010. Hanno presenziato, per l’occasione: Pasquale Marino, sindaco di Capaccio Paestum; Mario Crasto De Stefano, direttore artistico “Paestum Festival”; Claudio Tortora, direttore artistico “Premio Charlot”; Alfonso Rubini, direttore artistico “Sipario Aperto”; Enrico Di Lascio, presidente Bcc di Capaccio Paestum; Corrado Martinangelo, presidente dell’Istituzione comunale Poseidonia; Bartolo Scandizzo, presidente del Consorzio Albergatori “Paestum In”, i consiglieri delegati al Turismo e Spettacolo, Carmine Caramante e Raffaele Barlotti, insieme al vicesindaco Lorenzo Tarallo e al consigliere Luigi Ricci.

    “Siamo particolarmente orgogliosi, oggi, presentare il palinsesto dell’estate pestana – ha spiegato il primo cittadino Marino – perché quest’anno abbiamo dovuto far fronte a difficoltà economiche non indifferenti. Tuttavia, quella estiva è una stagione fondamentale per l’economia della nostra città, così abbiamo assicurato i medesimi contributi del passato per garantire, ai cittadini ed agli operatori turistico-alberghieri, un programma degno di Paestum, nonostante Regione e Provincia abbiano tagliato drasticamente i fondi per le manifestazioni organizzate nel nostro meraviglioso scenario, mortificando il nostro territorio e non consentendo boccate di ossigeno agli imprenditori locali, soffocati da una crisi economica latente. Ringrazio quanti si sono prodigati per la realizzazione di un palinsesto ricco, dalla danza al teatro, dai comici ai concerti. Nonostante certi ‘dispetti’ politici dall’alto, abbiamo dimostrato quanto teniamo a cuore la nostra città”.

    “Questa volta abbiamo dovuto veramente fare i salti mortali – ha aggiunto Crasto De Stefano – ma grazie al Comune di Capaccio siamo riusciti a tenere in piedi il palinsesto già pronto da tempo, con degli appuntamenti che riscuoteranno sicuramente grande seguito ed interesse. Il Paestum Festival è ormai un ‘must’ della stagione estiva di Paestum, abbiamo fatto davvero del nostro meglio, riuscendovi, per garantire qualità e quantità”.
    “Per quanto ci riguarda – ha sottolineato Rubini – il contributo del Comune ci ha permesso, quest’anno, di coronare il decimo anniversario di Sipario Aperto, una manifestazione di teatro amatoriale che, proprio in virtù della sua connotazione, riesce a sopravvivere con poco”.

    “Personalmente, preferisco non annunciare nulla – ha concluso Tortora – perché ad oggi non so dirvi se il Premio Charlot si terrà come l’avevamo organizzato. La Regione ha ridotto di un terzo il proprio contributo, la Provincia addirittura ci ha elargito meno di un quinto rispetto al passato. Ora non voglio pensare che ci siano davvero motivi politici alle spalle, ma il sospetto è forte e ci rattrista, perché così si penalizzano i cittadini, i turisti ed il territorio. Di sicuro, faremo la serata più importante alla presenza di RaiDue, poi ci siederemo davanti al pubblico per spiegare perché, ciò che si doveva fare, non si è fatto…”.

    Tra gli eventi di spicco, figurano i concerti di tre icone della musica italiana, ovvero Renzo Arbore, Massimo Ranieri e Gigi D’Alessio, così come le perfomance di Eugenio Bennato ed Eleonora Abbagnato. Tra i comici, le sorprese verranno dal galà del “Premio Charlot”, oltre agli show di Simone Schettino e de I Ditelo Voi, con le rappresentazioni teatrali di “Sipario Aperto”. Molto atteso anche l’appuntamento con il 39° Equiraduno nazionale, presentato pochi giorni fa.

    Nell’occasione, è stata presentata anche la nuova brochure “Paestum Estate 2010”, stampata in 30mila copie, che sarà distribuita a partire da domani sul territorio e nei luoghi strategici della Campania.


    Articoli PrecedentiPolla – Lacrime di S. Antonio, ci sarebbe un miracolo
    Articolo SuccessivoA fuoco un fienile a Roccadaspide

    Invia una risposta

    Please enter your comment!
    Please enter your name here