Altavilla. Terrorizzavano gli abitanti della piana del sele. 4 arresti

    93
    0

    Gerardo Picilli.

    ArrestiCCDopo lunghe e certosine indagini i Carabinieri della Compagnia di Eboli hanno dato un nome ai tre rapinatori che negli ultimi periodi hanno terrorizzato i residenti della piana del Sele. Nelle prime ore di questa mattina 30 Carabinieri della Compagnia di Eboli, con l’ausilio di unità cinofile del nucleo di Pontecagnano, hanno fatto irruzione in 12 abitazioni traendo in arresto, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Salerno su richiesta della Procura cittadina, diretta dal Procuratore Franco ROBERTI, tre pregiudicati: CENNAMO Francesco, di 25 anni, MATTURRO Nicola, di 20 anni, CAMMARANO Cristian, di 21 anni. L’accusa a carico degli arrestati è di aver perpetrato una serie di delitti gravi, tra cui una rapina aggravata, commessa nel gennaio 2009, ai danni di una coppia di anziani sorpresi di notte nella loro abitazione e costretti a consegnare oggetti di valore, denaro e numerosi fucili sotto la minaccia delle armi, dopo essere stati immobilizzati (commessa con il volto e le fattezze travisate da passamontagna e previa minaccia dei dipendenti con pistola semiautomatica).

    I malviventi, per assicurarsi la fuga, asportavano anche l’autovettura degli anziani coniugi e si dileguavano. Le indagini prendevano il via a seguito della rapina perpetrata in danno dei suddetti anziani e già in quel contesto investigativo, l’attenzione degli inquirenti si focalizzava su altri delitti, messi a segno dal 2006 al 2009 nello stesso Comune della piana del Sele mediante il medesimo “modus operandi” ed in un breve lasso temporale, avendo riscontro dalle denunce delle vittime che i predetti crimini presentavano analogie con la rapina consumata ai danni della coppia di anziani.

    Grazie alle immediate attività info-investigative dei Carabinieri coordinati dalla Procura Salernitana le indagini si concentravano su un gruppo di 12 giovani del piccolo centro di Altavilla Silentina. Nel corso delle indagini, in data 01 giugno 2009, veniva tratto in arresto, in flagranza di reato, CENNAMO Francesco per il reato di detenzione di munizionamento da guerra, indumenti militari, materiale esplodente, falsificazione di banconote e detenzione illegittima di armi.

    Da una ricostruzione a ritroso e l’escussione delle vittime venivano raccolti inconfutabili elementi probatori che consentivano di accertare l’esistenza di un gruppo criminale operante nel Comune Altavillese e dedito alla commissione di furti in genere (di attrezzi agricoli, in abitazione) nonché di rapine in abitazioni isolate, danneggiamenti di veicoli e fabbricati rurali a mezzo del fuoco. A conclusione delle attività investigative il P.M. titolare delle indagini emetteva contestualmente i decreti di perquisizione che interessavano le abitazioni di tutti gli indagati, finalizzati alla ricerca di ulteriori elementi probatori. L’operazione si concludeva anche con l’arresto di CENNAMO Giovanni, di 33 anni, per detenzione illegittima di armi comuni da sparo e munizioni da guerra, rinvenute nella propria abitazione durante la perquisizione.

    Le indagini dei Carabinieri, sotto la direzione della Procura della Repubblica di Salerno proseguono per addivenire ad ulteriori colpi messi a segno dalla stessa banda criminale.

    fonte:tvOggi


    Articoli PrecedentiLaureana, uomo si suicida impiccandosi nella sua abitazione
    Articolo SuccessivoInaugurata l'Isola Ecologia ad Albanella. L'Appello del Sindaco.

    Invia una risposta

    Please enter your comment!
    Please enter your name here