Matinella,le Poste Italiane si “dimenticano” di nominare un nuovo postino: migliaia di cittadini restano senza posta!

    264
    5

    ©Redazione

    Assume i contorni del ridicolo ciò che sta succedendo alla filiale di Matinella delle Poste Italiane: a causa di ignote politiche “aziendali” delle Poste Italiane S.p.A. di Roma, non viene nominato il nuovo postino e migliaia di utenti di “Matinella centro” rimangono e rimarranno senza posta fino a quando l’azienda non deciderà di intervenire.

    Ciò è quanto, incredibilmente, molti cittadini di Matinella si sono sentiti rispondere in questi ultimi giorni dagli incolpevoli ed impotenti dipendenti della filiale di Matinella delle PT Italiane: “PT Italiane non ha inviato il nuovo postino” e la posta attualmente giace all’Ufficio Postale capofila di Roccadaspide (dove la posta arriva dagli uffici di smistamento centrali, per poi essere smistata alle varie filiali)! Incalcolabili i danni per le migliaia di cittadini colpiti dal disguido: rischiano infatti di andare in scadenza bollette, avvisi di pagamento, raccomandate, cartelle esattoriali, atti giudiziari e legali, plichi importanti, assicurate, assegni inviati tramite posta, tutta posta che attualmente e nei prossimi giorni rimarrà in “giacenza” in qualche sacco di iuta o scaffale delle Poste di Roccadaspide.

    La notizia ha fatto naturalmente il giro del paese con il classico “tam tam” nel giro di pochi minuti. Molti i conciliaboli creatisi in paese: alcuni cittadini (professionisti e commercianti per lo più) si soffermavano a discutere fra di loro per “decidere il da farsi”: petizioni, querele, azioni legali di risarcimento. Ma ciò che regnava ero lo stupore di tutti: mai, in tutta la storia della filiale di Matinella delle Poste Italiane – una delle più antiche e radicate del comprensorio – era accaduta una cosa del genere.

    Un professionista, allarmato, confidava il suo disappunto: “aspetto da 4 giorni un’importante plico con dei documenti urgenti per un ricorso tributario che scade entro i prossimi giorni! Con chi dovrò prendermela se non farò in tempo a presentare il ricorso? Si tratta di migliaia di euro!”.

    Era tuttavia di un anziano la riflessione più efficace: “negli anni ’80 Matinella faceva poco più di 2500 abitanti, pochi negozi, 2 o 3 studi professionali. Eppure nell’Ufficio Postale c’erano 3 addetti allo sportello, 2 postini, un direttore ed un vice direttore! Oggi Matinella fa quasi 4000 abitanti, è l’epicentro economico del paese, importante centro urbano di passaggio per migliaia di cittadini anche di altri paesi, ci sono 40 attività commerciali, decine di studi professionali tra avvocati, commercialisti, architetti e geometri, eppure l’Ufficio Postale si è striminzito sempre più e ci sono tre-quattro dipendenti in tutto!”.

    Incredibile anche la situazione creatasi in estate, allorché la filiale, a causa delle turnazioni nelle ferie dei – già pochi – dipendenti (anche loro devono andare in vacanza) è stato “presidiato” in alcuni giorni da un solo dipendente allo sportello. Sulla incresciosa vicenda è intervenuto anche il Sindaco di Albanella, dott. Giuseppe Capezzuto, che si è detto “incredulo ed amareggiato per questi disagi.Purtroppo” – ha continuato il Sindaco raggiunto al telefono dalla redazione – “Poste Italiane è un’azienda privatizzata, gestita come una normale società di capitali, seppure gran parte del capitale è ancora in mani pubbliche. Tuttavia ritengo doveroso che Poste Italiane debba garantire ai cittadini di Albanella i giusti servizi! In caso contrario saremo pronti, senza indugio, a prendere serissimi provvedimenti! In ogni modo mi sono già attivato lunedì mattina, facendomi “sentire” adeguatamente dai vertici provinciali delle Poste Italiane.” Il primo cittadino di Albanella, ha infine aggiunto, piuttosto adirato: Monitorerò la situazione giorno dopo giorno, fino a quando Poste Italiane non risolverà il problema non solo del postino mancante, ma anche della pianta organica di un ufficio che non può andare avanti con 1 o 2 addetti allo sportello!

    La redazione di Matinella.it avvisa altresì che alcuni cittadini si sono già attivati per avviare una raccolta di firme che sarà al più presto inviata a Poste Italiane, al fine di protestare vigorosamente contro questa situazione incredibile che si è venuta a creare. Chiunque vorrà aderire potrà firmare sugli appositi fogli che saranno resi disponibili alla popolazione presso la stessa filiale dell’Ufficio Postale di Matinella e nei principali locali commerciali nelle prossime ore.

    Notizie Ultima Ora:

    Dopo le sollecitazione del sindaco di Albanella, Giuseppe Capezzuto, hanno fatto sapere dagli uffici dirigenziali di Napoli che sono in corso le selezioni per assumere a tempo determinato nuovi portalettere da destinare alla sede ATM di Matinella e quindi i disagi saranno risolti in brevissimo tempo.


    Articoli PrecedentiOspedale Roccadaspide, il sindaco Auricchio scrive a Caldoro e al direttore ARSAN
    Articolo SuccessivoFITOT: Al via” Dai tempo alla Vita!”

    Invia una risposta

    Please enter your comment!
    Please enter your name here