Tumori: succo di melograno contro le metastasi

    38
    0

     

    Il melograno è uno dei frutti autunnali per eccellenza: gustoso e simbolo di fertilità può essere annoverato anche tra la frutta amica della salute. Nello specifico, secondo uno studio americano, il succo del melograno sembra in grado di ostacolare la formazione di metastasi tumorali, cioè la migrazione di cellule maligne in altre parti del corpo rispetto al tumore originario.

    Lo studio, condotto da ricercatori dell’università californiana di Riverside è stato svolto usando succo di melograno su colture di cellule tumorali della prostata resistenti al testosterone, un tipo di cellula tumorale che tende a sviluppare metastasi. I ricercatori hanno, quindi, osservato come il succo riesca a ridurre la capacità di migrazione delle cellule.
     
    Ma non è tutto: il succo di melograno si è dimostrato in grado di inibire una proteina del midollo osseo che normalmente “attira” le cellule tumorali prostatiche, favorendo la comparsa delle metastasi ossee, che sono frequenti nei carcinomi prostatici.
     
    Il merito sarebbe delle sostanze presenti nel succo del frutto, fenilpropanoidi, acidi idrossobenzoici, flavoni e acidi grassi coniugati, che, secondo gli scienziati americani, potrebbero diventare gli “ingredienti” per nuovi farmaci
    da utilizzare proprio contro le metastasi tumorali in generale perché “”I geni e le proteine coinvolti nel movimento delle cellule di tumore prostatico sono gli stessi coinvolti nella migrazione fuori sede di cellule di tumori diversi” spiegano i ricercatori.
     
    Saranno chiaramente necessari ulteriori studi sul succo di melograno: dopo quelli sulle colture si passerà alle sperimentazioni su modelli animali con cancro alla prostata e, se i risultati saranno confermati, si potrà arrivare anche alla sperimentazione sull’uomo.

    fonte: tantasalute.it


    Articoli PrecedentiIl Centro Famiglia di Aquara si aggiudica il 2° posto nella classifica nazionale del Premio amico della famiglia 2009
    Articolo SuccessivoAlbanella, presentato il calendario natalizio 2010

    Invia una risposta

    Please enter your comment!
    Please enter your name here