AS Matinella. Scrive a Napolitano il presidente Maraio

    34
    3
    Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano

    Proprio così, una mail indirizzata direttamente al Presidente della Repubblica Italiano Giorgio Napolitano da parte del “colorito” presidente dell’AS Matinella Vincenzo Maraio. 

    Abbiamo incontrato casualmente il presidente Maraio il quale ci ha informati subito delle voci che giravano sull’invio telematico di una richiesata al Presidente Napolitano.

    <<E’ vero, ho scritto una mail al Presidente Napolitano per chiedergli di far sentire a tutti i cittadini di Albanella più forte l’amore per la propria patria! Il presidente Napolitano lo conosco da tempo (politicamente) fin da quando si candidò nella nostra circoscrizione. Ho chiesto al Presidente l’invio di duemila bandierine del Tricolore per addobbare tutto il paese il giorno del 150° anniversario dell’unità d’Italia.>>

    Un’iniziativa senz’altro targata “AS Matinella” che speriamo possa riuscire al noto abitante di Matinella.

    Come è risaputo, il presidente Maraio non è nuovo di queste iniziative sociali, infatti, forse non tutti sanno che qualche anno fà, l’AS Matinella ha donato degli asini ad un centro riabilitativo per ragazzi diversamente abili in Toscana e di pochi giorni, la donazione di una parte del ricavato della famosa manifestazione “Tombolata di Natale” all’Istituto Omnicomprensivo di Albanella per l’acquisto di materiale didattico.

    Ritornando al tema dell’articolo, c’è da dire che l’Italia ha fatto tanta strada dal lontano 17 marzo 1861 in cui il nuovo Parlamento sancì la proclamazione del Regno d’Italia, con capitale a Torino. Per cui, l’appuntamento con il 150° Anniversario dell’unità nazionale del 2011 impone una riflessione nazionale sull’identità del Paese.


    Articoli PrecedentiTumore collo dell’utero: settimana europea di prevenzione
    Articolo SuccessivoH1N1, morto il 51enne di Buccino ricoverato ad Oliveto
    Dottore in Ingegneria Informatica è l'ideatore ed il creatore del Blog Matinella.it nel 2007...

    Invia una risposta

    Please enter your comment!
    Please enter your name here