Albanella. Sequestrate 8 slot machine irregolari

    53
    0

    I militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Eboli, nell’ambito dei quotidiani servizi di controllo economico del territorio disposti e coordinati dal Comando Provinciale di Salerno e finalizzati anche alla prevenzione e alla repressione di illeciti in materia di congegni ed apparecchi da divertimento ed intrattenimento, hanno individuato in Albanella (SA) due diverse attività commerciali che detenevano macchinette “slot machine”, non in rete, senza le necessarie concessioni ed autorizzazioni previste dalla normativa vigente.

    L’operazione è scaturita, a seguito di un’attività info-investigativa allorquando i finanzieri notavano all’interno di alcuni locali la presenza di videogiochi che, di fatto, occultavano il gioco delle “slot machine”, gioco attualmente vietato dall’art. 110, comma 7° del T.U.L.P.S..

    Pertanto, i militari hanno proceduto al sequestro di 8 apparecchi da intrattenimento e delle somme frutto delle giocate effettuate.

    I titolari delle attività commerciali, sono stati segnalati all’Ufficio Territoriale del Governo di Salerno e rischiano oltre ad una severa sanzione pecuniaria, anche la chiusura dell’esercizio commerciale, per violazione di cui all’art. 110, comma 9 del T.U.L.P.S..

    La detenzione illegale di tali congegni consente, ai titolari degli esercizi commerciali, di erogare vincite in percentuali inferiori a quelle previste dalla vigente normativa, in danno ai giocatori.

    L’attività di servizio, si aggiunge alle già molteplici operazioni portate a termine dalle Fiamme Gialle e conferma l’efficienza del presidio economico-finanziario esercitato dal Corpo su tutto il territorio con l’obiettivo di arginare il dilagante fenomeno delle giocate illegali.

    fonte: COMUNICATO STAMPA UFFICIALE Guardia di Finanza – Comando Provinciale Salerno


    Articoli PrecedentiPelle: più attraente con prugne e carote
    Articolo SuccessivoIl mondo visto dal «lato B»: ecco dove cade lo sguardo degli uomini/ Guarda

    Invia una risposta