Capaccio. Il meteo non ferma il popolo del NO all’inceneritore. Voza: Strumento di Morte!

    0

    Tanta gente all’incontro organizzato dal Comitato Sorvella Sabatella presieduto da Maria Rosaria Bambacaro, tenutosi ieri pomeriggio presso la sala Erica in p.zza Santini a Capaccio Scalo per urlare NO all’inceneritore che rischia di essere impiantato in località Sabatella di Capaccio Scalo.

    Nonostante le condizioni meteo poco permissive, il popolo ha aderito in massa a questa importante conferenza/incontro. Presenti alla conferenza “molti ma pochi” politici locali tra cui il sindaco di Trentinara, Roccadaspide, Giungano ed una folta delegazione degli amministratori di Albanella

    Un problema che è ritornato alla ribalta dopo la variazione progettuale presentata dalla ditta Biocogein intenzionata a portare avanti il proprio progetto di costruzione dell’impianto.

    «Pensavamo che la questione fosse ormai chiusa – ha affermato durante il suo intervento Bambacaro – occorre l’aiuto di tutti ed è importante recarsi in massa a Napoli il 16 febbraio per fermare questo scempio e far sentire la nostra voce. »

    Duro il sindaco Voza che ha fermante annunciato il proprio disappunto all’impianto annunciando che l’ufficio tecnico dell’Ente capaccese ha già predisposto una relazione con una seria di eccezioni che saranno portate al vaglio della conferenza dei servizi del prossimo 16 febbraio in Regione Campania.

    «Chi firmerà il nulla osta alla realizzazione dell’impianto, firmerà uno strumento di morte – ha tuonato il primo cittadino capaccese – se ne assumerà la seria conseguenza perchè il popolo non vuole questo impianto e la centrale non si farà! – ha concluso Voza».

    Hits: 0


    Articoli PrecedentiAlbanella. Opera Nicola Vernieri, al via il nuovo tesseramento
    Articolo SuccessivoAlbanella. Rete idrica al collasso per le forti piogge. Scoppia condotta