Imola. Onorato il ricordo dei giovani Fabio e Roberto Busillo di Altavilla Silentina

    0

    La parrocchia di Santo Spirito e il circolo-oratorio “Umberto Marani” di Imola hanno vissuto insieme un doppio momento di festa domenica 30 aprile: l’intitolazione della scuola materna a monsignor Domenico Caselli e l’inaugurazione dei nuovi spogliatoi a servizio dei campetti sportivi intitolati a due giovani di Altavilla Silentina (foto sotto).

    A tre anni dalla morte di don Caselli e per non perdere la sua memoria, soprattutto nelle giovani generazioni, il Consiglio Pastorale Parrocchiale ha dedicato la scuola materna a questo sacerdote che è stato a Santo Spirito per oltre 50 anni (45 dei quali da parroco 1958-2003).

    Gli spogliatoi dell’attinente Centro Sportivo, invece, dopo essere stati ristrutturati, sono stati dedicati a due fratelli di Altavilla Silentina, Fabio e Roberto Busillo, giovani parrocchiani e amanti dello sport, ammalati di una grave malattia genetica e deceduti da poco. La comunità ha voluto così coinvolgere i genitori per onorare la memoria dei loro figli.

    «E’ un venire a conoscenza di questa notizia – ha così commentato il sindaco di Altavilla Silentina Antonio Marra, raggiunto telefonicamente – e siamo fieri di questi due giovani ragazzi che la malattia, purtroppo ha strappato prematuramente alla vita terrena.  A nome di tutta l’amministrazione comunale che rappresento, voglio manifestare la nostra vicinanza ai genitori e familiari tutti che sono soliti ritornare ad Altavilla Silentina, segno di appartenenza e profondo legame con il territorio di origine – conclude Marra»

    Di stesso avviso e a tratti commosso il ricordo del consigliere comunale di Altavilla Silentina, Giovanni Russo, amico d’infanzia di Fabio e Roberto Busillo.

    «Mi sono davvero commosso quando mi hanno comunicato questa bella notizia – afferma commosso Giovanni Russo –  con Fabio e Roberto ho trascorso la mia infanzia, momenti di spensieratezza ed affetto che non potrò mai dimenticare. Giocavamo sempre a pallone insieme e ricordo con affetto quando andavamo a mare insieme, tutti e tre accompagnati dalla loro mamma.

    Questa bella iniziativa ci riempie il cuore di gioia, segno che anche ad Imola, dove si erano trasferiti da tempo, con la loro umanità e umiltà, hanno lasciato un segno importante nella collettività. Il ricordo di Roberto e Fabio, vivrà sempre nel mio cuore – conclude Russo»

    Hits: 5


    Articoli PrecedentiCapaccio. Sica:Reflui zootecnici e caseari da problema a risorsa per il territorio Savoy Beach Hotel, giovedì 4 maggio, ore 20
    Articolo SuccessivoMatinella. Degrado ed abbandono al Palazzetto dello Sport…FOTO