Albanella. Incendio Ricicla Campania, sindaco emette Ordinanza. Possibili cause esterne all’Azienda

    128
    0

    A seguito dell’incendio divampato ieri presso una parte dell’area esterna dell’Azienda Ricicla Campania, il sindaco di Albanella ha emesso ordinanza sindacale urgente per la tutela della salute pubblica.

    Nel testo dell’ordinanza si dispone che nella zona di Matinella e nelle zone limitrofe del territorio comunale,  il consumo dei prodotti alimentati coltivati venga effettuato dopo il lavaggio e lo strofinamento delle superfici e dove possibile rimuovendo lo strato superficiale mediante spellatura o sbucciatura.

    Inoltre, il consumo dei prodotti in ogni caso è vietato per le persone a rischio come donne in gravidanza ed in allattamento e bambini. E’ vietata  la raccolta di funghi ed erbe spontanee, il pascolo e il razzolamento di animali da cortile, l’uso ed il consumo di foraggi raccolti nelle aree interessate.

    Ricordiamo che la causa dello spaventoso incendio, come dichiarato ai microfoni dell’emittente di Capaccio Paestum, StileTv, dall’Ing. Salvatore Pinto, che ha progettato l’intero impianto,  con fare molto probabile, paria sia riconducibile alle fiamme divampate già dalla notte precedente in un fondo contiguo alla  Ricicla Campania.

    Inoltre, come è stato appurato, è stata proprio la proprietà di Ricicla Campania a sedare il fuoco nel fondo agricolo insieme ai vigili del fuoco allertati dagli stessi i quali hanno lavorato fino a notte inoltrata per spegnere l’incendio.

    Purtroppo l’indomani mattina, il forte vento che perversava nella zona, avrà rialimentato i focolai nel fondo facendo finire delle micce all’interno degli stalli dove era stipato il materiale plastico e pezzame.  E’ probabile che il principio di incendio sia stato camuffato dal fumo proveniente dal fondo vicino. (foto sotto)

    Nel rogo, hanno bruciato pezzame, materiale plastico ed un cassone di pneumatici provenienti, sembrerebbe, dal reparto demolizioni automezzi e pronti per essere conferiti in centro di trattamento specifico.

    Da evidenziare la prontezza della squadra antincendio della Ricicla Campania che supportati in maniera decisiva dai VVFF di Eboli, Agropoli e Salerno (giunti in modo fulmineo sul posto) avevano da subito isolato gli altri materiali e iniziato la fase di soffocamento delle fiamme utilizzando il materiale inerte a disposizione nell’impianto spegnendo il fuoco in appena 2 ore.

    E’ evidente a tutti che in altre realtà, le fiamme che invadono questi impianti divampano per giorni fino al completo consumo dei materiali ma a prescindere dal come dove e cosa, una cosa del genere non doveva succedere!

    C’è da dire che nonostante l’incendio della mattina, nella stessa giornata e nello stesso terreno adiacente la Ricicla Campania, il fuoco, alle 18.30 ha ripreso ad ardere come si vede nella foto al lato…SENZA PAROLE!

    Ancora una volta ci troviamo a scrive l’ennesima brutta pagina sulla nostra comunità! Ora, i periti faranno luce sull’accaduto individuando i colpevoli del disastroso incendio.

     

     


    Articoli PrecedentiMatinella. Vasto incendio in Azienda a Borgo San Cesareo
    Articolo SuccessivoAltavilla Silentina. Grave incidente sul ponte del fiume Cosa