Premio a Malzoni: 100mila bambini sono nati grazie a lui

    44
    0

    Ha fatto nascere 100mila bambini nelle sue cliniche. È il primato per il quale verrà premiato il prossimo 17 settembre Carmine Malzoni, ginecologo avellinese, luminare del settore, e direttore dell’omonima clinica: il riconoscimento gli verrà consegnato a Battipaglia, in occasione della manifestazione «Penisola Sorrentina, Costa di Salerno».

     Quello del ginecologo, è un vero e proprio record, segnato in quasi 50 anni di attività. «Un riconoscimento per il ruolo di punta nel Mezzogiorno scientifico e per aver raggiunto un primato encomiabile e ricco di speranze quale quello di essere stato testimone e artefice della nascita di centomila bambini», si legge nella motivazione del premio, firmata dal patron della manifestazione Mario Esposito.

    I nome di Malzoni è onnipresente nei siti e forum al femminile, dove chi è già stata in cura nella sua clinica, all’avanguardia nella cura dei problemi di fertilità e pellegrinaggi di pazienti da tutta Italia, racconta la propria esperienza ad altre donne in cerca di consigli. Tanti commenti positivi che confermano la professionalità e dedizione al suo lavoro: significative, non a caso, anche le lunghissime liste d’attesa per avere un appuntamento.

     La sezione «Costa di Salerno» del «Premio penisola sorrentina» si svolgerà venerdì prossimo nei giardini del complesso di archeologia industriale «La Fabbrica dei Sapori», a partire dalle ore 21. Insieme a Malzoni riceveranno il premio il wedding planner «Matrimoni speciali», gruppo sorrentino di aziende specializzate nell’organizzazione di matrimoni d’autore diretto da Francesco Mastellone, l’attore Enzo De Caro, il tenore Bruno Venturini come ambasciatore della canzone napoletana nel mondo e il cantante con un solo polmone Maurizio Tassani.

     fonte:ilcorriredelmezzogiorno


    Articoli PrecedentiL’olio di oliva stimola la formazione delle ossa e combatte l’osteoporosi
    Articolo SuccessivoRosmarino: pianta dalle qualità sconosciute

    Invia una risposta

    Please enter your comment!
    Please enter your name here