Elezioni BCC Capaccio, ing. Pingaro, avv. Guglielmotti e Sabia candidati

    116
    0

    Riceviamo e pubblichimo fedelmente quanto segue.

    Ing. Rosario Pingaro, candidato alla presidenza della Bcc di Capaccio Paestum,  lettera inviata ai Soci, il programma elettorale ed i nominativi della lista collegata “Rosario Pingaro Presidente – Una banca per il futuro”.  

    LETTERA AI SOCI

    Gentile Socio,

    il prossimo 10 ottobre si svolgeranno le elezioni per il rinnovo del Consiglio di Amministrazione della nostra banca. Questo appuntamento è stato anticipato, rispetto alla naturale scadenza, a seguito di una visita ispettiva della Banca d’Italia che ha prescritto di indire nuove elezioni per procedere ad un ampio ricambio dei componenti del Consiglio di Amministrazione. Questa richiesta da parte della Banca d’Italia ha destato in me una forte preoccupazione sullo stato di salute del nostro istituto di credito e ha determinato la convinzione che è ormai arrivato il momento di recuperare lo spirito cooperativo che ha dato vita alla nostra banca, eliminando la distanza che si è da tempo creata tra la BCC di Capaccio e i suoi soci.

    Questi sono i motivi per i quali ho ritenuto di poter dare il mio contributo per il superamento di tale fase critica. Questa la ragione per cui Le scrivo comunicandoLe la mia candidatura a presidente e chiedendoLe il Suo voto. La lista a me collegata è formata da persone che non hanno ricoperto incarichi nella precedente gestione, che non hanno esposizioni bancarie rilevanti col nostro istituto bancario e che rappresentano la maggior parte dei settori economici e sociali del nostro territorio.

    Con la mia candidatura a presidente della Banca di Credito Cooperativo di Capaccio ho intenzione di riequilibrare la rappresentanza di tutti i soci per far sì che la Banca riprenda la sua naturale vocazione di ascolto ed aiuto alle famiglie, alle piccole e medie imprese, agli artigiani e alle nuove professioni. Con il Suo appoggio avremo una banca che manterrà forte il suo legame col territorio e che sarà indipendente e libera, una banca per tutti, chiara, trasparente e pulita in grado di sostenere le difficoltà e i progetti di innovazione. Una banca vicina ai soci e rispettosa delle loro esigenze. Una banca che valorizzi le proprie risorse interne. Una banca che guardi lontano. Una banca per il futuro.

    Il Suo voto è un voto importante per il cambiamento.

    Il Suo sostegno per me e per la mia lista è necessario per ritornare ad essere una Banca credibile, affidabile ed importante.

    Le chiedo il Suo voto per me e per la mia lista perché ritengo di poter garantire le qualità morali ed etiche di tutti i candidati ed anche perché la mia storia personale e familiare testimonia l’operosità e la dedizione verso la nostra Banca e il nostro territorio. 

    Con cordialità,

    Rosario Pingaro

     

     PROGRAMMA

    1. Recuperare la fiducia di Banca d’Italia  
    – Annullare la litigiosità in CdA  
    – Rifocalizzare l’attività del Cda sullo sviluppo strategico  
    – Limitare a n. 8 i componenti del CdA  
    – Affiancare i vertici aziendali con ulteriori professionalità  

    2. Politica del Credito 
    – Rifocalizzare l’attività su: Famiglie, Piccole e Medie Imprese  
    – Varare un Pacchetto “Competitività” per le PMI:  
    a. Finanziamenti ad hoc per la realizzazione di un “Nuovo Prodotto”  
    b. Finanziamenti ad hoc per l’innovazione nei processi produttivi  
    c. Finanziamenti ad hoc per il completamento delle Filiere  
    – Mantenere inalterato il regime dei “Prestiti Agrari”  
    – Nessuna chiusura di Filiali  
    – Decentralizzare la gestione dei piccoli affidamenti delegando la loro gestione ai preposti di filiale  
    – Investire con continuità nella crescita professionale dei dipendenti  
    – Introdurre il concetto di Banca Etica nell’erogazione del credito  

    3. Modifica del Regolamento Elettorale 
    – Eliminare la possibilità della votazione per alzata di mano  
    – Garantire la rappresentanza in consiglio dei comuni, con filiale, che annoverano più di 100 soci residenti
    – Non permettere il collegamento delle liste del Collegio Sindacale a quelle del CdA

     LISTA COLLEGATA

    Rosario Pingaro, 38 anni – ingegnere (candidato presidente)

    Arenella Pompeo – imprenditore
    Cavallo Piero – libero professionista
    Daniele Antonio – imprenditore
    De Santi Alessandro – imprenditore
    Di Filippo Antonio – impiegato Consorzio di Bonifica
    Francia Rosario – libero Professionista
    Maffia Angelo – imprenditore
    Marandino Leopoldo – imprenditore
    Scariati Antonio – imprenditore
    Scovotto Lucio – libero professionista

     ***

    f

    Avv. Giuseppe Guglielmotti, candidato alla presidenza della Bcc di Capaccio Paestum, lettera-programma inviata ai Soci ed i nominativi della lista collegata “Guglielmotti Presidente”.  

    LETTERA AI SOCI 

    Caro Socio,
    il segnale dato dall’organo di vigilanza, che ha ordinato l’elezione anticipata di un nuovo Cda, impone una svolta decisa nella gestione dell’azienda per arrestarne il pericoloso declino e rilanciarne l’attività. Per lo sviluppo del territorio, è necessario riscoprire e valorizzare lo spirito delle casse rurali ed artigiane, favorendo il credito alle piccole e medie imprese, agli agricoltori, agli artigiani ed alle famiglie. Bisogna anche dare più fiducia ai giovani, aiutandoli e sostenendoli nella creazione di nuove attività economiche sul territorio. Per conseguire questi obiettivi, chiediamo ai Soci di sostenerci e di votare, per intero, la nostra lista.

    Avv. Giuseppe Guglielmotti

     LISTA COLLEGATA

    Giuseppe Guglielmotti, 65 anni – avvocato (candidato presidente)

    Bellelli Ettore – impreditore
    Capo Cosimo – commerciante
    D’Angelo Francesco – imprenditore
    Desiderio Vito – rappresentante
    Merola Vittorio – Presidente Mercato Ortofrutticolo di Capaccio
    Naddeo Michele – commerciante
    Palmieri Antonio – imprenditore
    Sorgente Marino – imprenditore
    Tommasini Luigi (detto Gigi) – ristoratore
    Voza Benedetto – impiegato

    ***

    ff 

    Pasquale Sabia, candidato alla presidenza della Bcc di Capaccio Paestum, lettera inviata ai Soci ed i nominativi della lista collegata “Pasquale Sabia Presidente – Una Banca di Tutti”.  

    LETTERA AI SOCI

    Caro Socio,
    ho ritenuto mio dovere, quale Consigliere della BCC, informarTi che l’anticipazione delle elezioni si è resa necessaria per permettere “un ampio ricambio dei componenti l’Organo amministrativo”, come auspicato dalla Banca d’Italia che, nella sua ultima ispezione, ha valutato la “conflittualità” tra gli attuali Consiglieri, per l’ennesima volta, inadatta e molto rischiosa, in questo momento di grave crisi economica, per il Governo di questa Banca.

    E’ evidente, pertanto, che ogni altra informazione giunta alla Tua attenzione, sulle reali necessità di rinnovare questo Consiglio, è basata su errate motivazioni o, peggio, usata al solo scopo di raccattare un consenso che, diversamente, non si sarebbe capaci di ottenere. E’ incontestabile, infatti, che la nostra Banca è più solida che mai, come chiunque può verificare dai Bilanci regolarmente depositati e, anzi, ho il piacere di comunicarTi che l’ultima verifica del Fondo di Garanzia dei Depositanti, a giugno 2010, ha collocato la nostra BCC ai vertici di quelle della Campania, valutando il suo Patrimonio pienamente adeguato ai parametri dettati dalle norme bancarie. Le spontanee dimissioni degli attuali Consiglieri, tutti regolarmente in carica, per consentire le nuove elezioni e, quindi, rapidamente “un ampio ricambio”, rappresentano una decisione altamente Responsabile, di perseguire, ancora una volta, gli esclusivi Interessi Aziendali. Per tali Interessi, insieme a un qualificato gruppo di professionisti e imprenditori, ognuno dei quali ha già dimostrato un’adeguata responsabilità e professionalità nella gestione di società, ho deciso di ricandidarmi accettando, altresì, la loro comune decisione di indicarmi come aspirante Presidente del Consiglio di Amministrazione.

    Voglio ripetere ancora che tutti, i candidati scelti, hanno dato prova, da decine di anni, di possedere le capacità richieste, assicurando efficienza e correttezza nei rapporti con i clienti, con le istituzioni e con gli istituti bancari con i quali hanno intrattenuto rapporti, dando prova della solidità patrimoniale delle loro aziende e della bontà dei progetti imprenditoriali intrapresi, che hanno permesso la crescita economica e occupazionale dell’intero territorio. Per tutto ciò e nello spirito e nell’insegnamento del compianto avv. Antonio Vecchio, mio Amico e Maestro, come già avvenuto nella gestione del Presidente Enrico Di Lascio, consapevole e responsabile di quella che è la grande storia della nostra BCC, banca dal volto umano, dove le persone non sono e non saranno mai numeri gestiti da un computer come avviene in altre realtà bancarie,

    Ti Chiedo quindi, la preferenza alla mia candidatura e a quella degli altri componenti la mia lista che, non solo condividono con me questi Valori ma sono anche, a mio giudizio, in questo momento di crisi, le persone più adatte al Governo di questa Banca.

    Tutti insieme, inoltre, Ti chiediamo di preferire la nostra Lista che si è formata dicendo:
    No a pericolosi ritorni a un recente passato che si è distinto per rancori e odi, e che ha considerato i suoi Clienti e Soci come “amici” o “nemici”;
    No a salti nel buio in questo periodo di grave crisi, come predicato da chi chiede un rinnovo totale del Consiglio che, non solo, non è sicuramente desiderato da Banca d’Italia ma, nemmeno, ritenuto augurabile da chi s’intende di Credito, perché ciò renderebbe difficilissima se non impossibile una corretta e rapida prosecuzione della gestione della Banca, con evidenti danni per i suoi Scopi e i suoi Clienti;
    No ad accordi oscuri con qualche “leader rampante” che, poi, vorrà riscuotere la sua parte o, peggio, imporre i suoi interessi personali;
    Si alla salvaguardia del patrimonio che i nostri Padri ci hanno consegnato, che è stato e sarà nostro primo interesse difendere e incrementare, per perseguire la crescita del nostro territorio di riferimento.

    Viva la nostra BCC – Banca di Tutti – Banca per Tutti

    Pasquale Sabia
    LISTA COLLEGATA

    Sabia Pasquale, 54 anni – commerciante (candidato presidente)

    Bamonte Marsilio – coll. Notarile 
    Barlotti Fabio – commerciante 
    D’Angelo Damiano – imprenditore 
    Franco Maurizio – imprenditore 
    Greco Giuseppe – imprenditore 
    Marano Pasquale – imprenditore 
    Monzo Giovanni – commerciante 
    Petraglia Alessandro – imprenditore
    Rinaldi Gennaro – imprenditore 
    Scariati Giovanni – commercialista

    f

    Come si vota:
    – si può votare il Presidente e tutti i Consiglieri di una lista apponendo la crocetta sulla casella “voto di lista”;
    – votare singolarmente un Presidente ed i Candidati, anche in liste differenti e fino ad un massimo di 10 preferenze, facendo attenzione a non segnare “voto di lista”;
    – le schede che presenteranno “voto di lista” con preferenze anche in liste diverse non saranno annullate. In tal caso sarà assegnato il voto a tutti i candidati della lista collegata al “voto di lista”.


    Articoli PrecedentiAbusivismo: Comune Castellabate, subito giu’ Castelsandra
    Articolo SuccessivoLa spirulina protegge dagli effetti negativi dei radicali liberi

    Invia una risposta

    Please enter your comment!
    Please enter your name here