Agropoli chiede scusa a Stoppa ed a tutta la troupe per l’aggressione subita

    66
    0

    Agropoli chiede scusa a Edoardo Stoppa e alla troupe di Striscia la notizia. Dopo l’aggressione dei giorni scorsi, avvenuta nel Comune cilentano durante un servizio sul maltrattamento di alcuni animali all’interno di una azienda zootecnica mandato in onda nella serata di ieri , il presidente del Consiglio Comunale di Agropoli ha infatti scritto alla redazione di Striscia la notizia e al giornalista Edorardo Stoppa per chiedere scusa.

    «Chiedo scusa a nome dell’intera città – scrive Agostino Abate -. La città di Agropoli certamente non è l’espressione di quella vile aggressione e tanto meno potrà mai giustificare o solo pensare di alleviare le responsabilità degli aggressori». «Colgo l’occasione – prosegue il presidente del Consiglio Comunale – per sottolineare il senso di gradimento e di stima dell’intera città per un servizio televisivo che comunque è riuscito a far cogliere la verità dei fatti che hanno subito gli animali maltrattati».

    Parole di condanna anche dal Forum dei giovani di Agropoli: «Ci auguriamo – ha commentato il presidente Mascia Sannino – che questo fatto non contribuisca a convalidare e rafforzare l’immagine stereotipata di un Sud che vive all’insegna dell’inciviltà. Cogliamo l’occasione per scusarci, in qualità di giovani adulti del domani, con tutti coloro che hanno subito e assistito ad uno spettacolo di tale portata che mortifica l’intelletto umano..».

    Dopo l’aggressione, Stoppa e la troupe avevano avvertito i carabinieri che, giunti sul posto, hanno provveduto ad arrestare due coniugi, entrambi pregiudicati, per la sottrazione delle telecamere durante il servizio.

    fonte:ilmattino


    Articoli PrecedentiAgropoli, il video dell’aggressione agli operatori di Striscia La Notizia
    Articolo SuccessivoSalerno.Marche da bollo taroccate, in manette dipendenti agenzia delle entrate
    Dottore in Ingegneria Informatica è l'ideatore ed il creatore del Blog Matinella.it nel 2007...

    Invia una risposta

    Please enter your comment!
    Please enter your name here