Capaccio. Sequestrati videopoker illegali

    28
    0

    I militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Agropoli, nell’ambito dei quotidiani servizi di controllo economico del territorio disposti dal Comando Provinciale di Salerno e finalizzati anche alla prevenzione e repressione di illeciti in materia di congegni ed apparecchi da divertimento ed intrattenimento, hanno individuato a Capaccio un circolo, al cui interno vi erano installati e perfettamente funzionanti due apparecchi (videogiochi) del tutto illegali, poiché privi di qualsivoglia titolo autorizzatorio e sconosciuti totalmente all’A.A.M.S..

    L’operazione è scattata a seguito di una preliminare ed approfondita attività info-investigativa e ricognitiva, allorquando i finanzieri hanno notato nel locale la presenza di alcuni apparecchi da divertimento ed intrattenimento, regolamentati dall’art. 110, comma 7° del T.U.L.P.S.. L’intervento si è concretizzato nel sequestro di 2 slot machine illegali e una cospicua somma di denaro contante rinvenuta all’interno degli stesse.

    Il titolare dell’attività commerciale è stato, pertanto, deferito all’Autorità Giudiziaria per il mancato rispetto delle leggi di P.S., che – tra l’altro – prescrivono l’esposizione obbligatoria all’interno dei circoli e locali pubblici della c.d. tabella dei giochi proibiti.

    L’attività di servizio, che si aggiunge a recenti operazioni similari, conferma l’efficienza del presidio economico/finanziario esercitato dalle Fiamme Gialle su tutto il territorio di competenza e l’obiettivo di arginare il dilagante fenomeno dei giochi illegali e delle scommesse clandestine, al fine di garantire e preservare il sano e regolare andamento dell’economia anche nello specifico settore, connotato da un forte impatto sociale e causa, sovente, di negative ripercussioni familiari nelle fasce meno abbienti della popolazione.

    fonte:TvOggi


    Articoli PrecedentiSigarette e Alzheimer: due pacchetti al giorno e il rischio aumenta
    Articolo SuccessivoDopo Benvenuti al Sud impazza la «CastellabateMania»

    Invia una risposta

    Please enter your comment!
    Please enter your name here