Sigarette e Alzheimer: due pacchetti al giorno e il rischio aumenta

    40
    0

     

    Fumare più di 2 pacchetti di sigarette al giorno aumenta il rischio di insorgenza di demenza di Alzheimer del 157% e di demenza vascolare del 172%: a sostenerlo uno studio condotto dai ricercatori del Kaiser Permanente di Oakland (California, Usa) in uno studio pubblicato su Archives of Internal Medicine.

    Lo studio, il primo a esaminare le conseguenze a lungo termine del fumo sulla demenza, ha visto monitorare per 23 anni una popolazione etnicamente diversificata di 21.123 uomini e donne di mezza età. I soggetti sono stati intervistati tra il 1978 e il 1985, mentre le diagnosi di demenza sono state raccolte tra il 1994 e il 2008. Dopo aver aggiustato i risultati ottenuti per altri fattori come età, sesso, istruzione, razza, stato civile, ipertensione, iperlipidemia, indice di massa corporea, diabete, malattie cardiache, ictus e uso di alcol, è emerso che rispetto ai non-fumatori coloro che avevano fumato più di due pacchetti di sigarette al giorno avevano il 157% di possibilità in più di veder insorgere il morbo di Alzheimer e il 172% in più di sviluppare la demenza vascolare.

    “Questo studio mostra che il cervello non è immune alle conseguenze a lungo termine del fumo pesante – spiega Rachel Whitmer, principale autrice dello studio -. Sappiamo che il fumo compromette il sistema vascolare influenzando la pressione sanguigna ed elevando i fattori di coagulazione, e sappiamo che la salute vascolare svolge un ruolo nel rischio della malattia di Alzheimer”.

    fonte: ilsole24ore.com


    Articoli PrecedentiTopo tende agguato ad un piccione napoletano
    Articolo SuccessivoCapaccio. Sequestrati videopoker illegali

    Invia una risposta

    Please enter your comment!
    Please enter your name here