“Bufala Connection”:giù il sipario con 11 assoluzioni e 4 condanne

    115
    0

    Si è conclusa la vicenda,  che  prese il via nel 2006, nota ai più con l’appellativo di “bufala connection”. A indagare in merito  il Gico della Guardia di Finanza e i Nas dei Carabinieri su richiesta dei pm antimafia: si ventilava l’ipotesi  di “Agricamorra”. Ventitré erano stati gli arrestati, accusati di reati che andavano dall’associazione a delinquere all’usura, alla concussione, estorsione, falso. In sostanza,  si era partiti dalle difficoltà economiche di alcuni allevatori per infiltrare le organizzazioni malavitose nel settore bufalino  entrando nella proprietà di alcuni caseifici come già era accaduto per quello del pomodoro.

    A contribuire a quello che sembrava un progetto studiato nei minimi particolari  anche l’emergenza brucellosi, sulla scia di un fenomeno amplificato all’eccesso e di un’emergenza gestita male: negato agli allevatori il doppio controllo per verificare l’effettivo contagio.  Di qui l’enorme numero dei capi abbattuti.  Intento primario ventilato lucrare, ottenere i rimborsi regionali e, allo stesso tempo, operare su un fronte parallelo cercando di assicurarsi il controllo del settore della raccolta e stoccaggio del latte.

    E così ad alcuni allevatori vennero sbarrate le porte dei caseifici che finivano col non ritirarne il latte. Un crescendo di difficoltà economiche dovuto anche all’aumento dei costi di produzione che veniva, però arginato grazie al provvidenziale intervento di qualcuno disposto a comprare il prodotto: bastava sapersi accontentare. Questo il meccanismo. Bassissimi i margini di ricavo. E intanto c’era anche chi progettava la realizzazione di un centro per la raccolta e lo stoccaggio del latte di bufala. A fronte del già esistente monopolio del foraggio e della paglia si voleva introdurre anche il monopolio sul latte bufalino. Oltre 20 le persone implicate, molti delle quali originarie della Piana del Sele.

    A cinque anni di distanza, si è chiuso il processo in primo grado: assoluzione piena per i medici e i responsabili del servizio veterinario dell’Asl. Quattro le condanne emesse dalla prima sezione penale, con pene blande e condonate; undici le assoluzioni. Contro gli otto restanti imputati, negli anni scorsi, si era proceduto con rito abbreviato su esplicita richiesta degli stessi e, in alcuni casi, il procedimento si era concluso con un patteggiamento.

    fonte:stileTV


    Articoli PrecedentiAuletta, si ritorna alle urne, ma solo metà paese!
    Articolo Successivo«Il pene non è riconoscibile». Assolto dall’accusa di aver diffuso video hard

    Invia una risposta