Elezioni, si vota il 25 maggio per le amministrative ed europee

    0

    Stabilita la data delle elezioni. Per le europee e le amministrative si voterà il 25 maggio prossimo. Lo ha deciso il Consiglio dei Ministri, che ha preso atto della comunicazione del Ministro dell’Interno, Angelino Alfano, nella quale dichiara di aver individuato, a norma dell’articolo 3 della legge 182 del 1991, in domenica 25 maggio 2014 la data di svolgimento delle consultazioni amministrative per il rinnovo dei sindaci e dei relativi Consigli comunali nelle regioni a statuto ordinario. L’eventuale turno di ballottaggio è previsto per la successiva domenica 8 giugno. Il decreto del Ministro Alfano di fissazione della data tiene conto dei principi di riduzione della spesa pubblica svolgendo, nella medesima data delle elezioni europee, le altre consultazioni elettorali previste nel corso dell’anno.

    In provincia di Salerno in comuni in cui si voterà per il rinovo dei sindaci e dei Consigli comunale sono ben 55 (su un totale di 158) a cui, però, bisogna aggiungere Pagani per il quale non è stato prorogato il commissariamento. L’elenco è quello che si trova sul sito dell’Anci (l’associazione nazionale dei comuni italiani), mentre quello ufficiale si conoscerà solo quando sarà pubblicato sulla Gazzetta ufficiale della Repubblica.

    In queste ore tiene banco la vicenda di Battipaglia. Nel Consiglio dei ministri di ieri non c’è stato alcun decreto di scioglimento del Consiglio comunale, dunque, al momento a Battipaglia si dovrebbe andare a votare il 25 maggio prossimo. Per lo scioglimento, però, c’è tempo fino all’indizione dei comizi elettorali, cioè fino a quaranta giorni prima delle elezioni. In conclusione, qualora il ministro dell’Interno dovesse proporre lo scioglimento del Consiglio potrà farlo fino al 15 aprile. Dopo non è più possibile e i battipagliesi sarebbero chiamati al voto il 25 maggio oper elleggere il sindaco e rinnovare il Consiglio.

    Scorrendo l’elenco dei Comuni si nota che, oltre Pagani, sono cinque gli altri comuni con più di 15 mila abitanti in cui si potrebbe andare al ballottaggio se l’elezione del sindaco non avvenisse al primo turno. Si tratta di Baronissi (16.790 abitanti); Battipaglia (50.464); Mercato San Severino (22.036); Nocera Superiore (24.151) e Sarno (31.030).

    Tra i 10mila e i 15mila abitanti troviamo solo tre comuni: Pellezzano (10.588); Sala Consilina (12.258); Bellizzi (12.971). Nella fascia compresa tra i 5 mila e i 10mila abitanti sono cinque: Albanella, Ascea, San Cipriano Picentino, Teggiano e Vietri sul Mare. Tutti gli altri ne hanno meno di 5 mila, di cui 11 addirittura meno di mille.

    fonte:LaCittà

    Hits: 0


    Articoli PrecedentiElezioni a Bailly Romainvilliers, plebiscito del sindaco uscente Arnaud de Belenet
    Articolo SuccessivoAd Albanella, il mercatino dell’artigianato organizzato dal Forum dei Giovani

    Invia una risposta