Nuova regione in Provincia di Salerno, sì al referendum

    57
    0

    Albanella, Alfano, Altavilla, Aquara, Baronissi, Bellizzi, Calvanico, Camerota, Campora, Casaletto Spartano, Caselle in Pittari, Castel San Giorgio, Castel San Lorenzo, Castellabate, Cava de’ Tirreni, Cicerale, Conca, Corleto Monforte, Giungano, Laurino, Magliano Vetere, Moio della Civitella, Montecorice, Montecorvino Pugliano, Montecorvino Rovella, Monteforte Cilento, Nocera Superiore, Ogliastro, Orria, Ottati, Pagani, Palomonte, Pellezzano, Perdifumo, Petina, Pisciotta, Postiglione, Roccagloriosa, Romagnano al Monte, San Marzano, Santa Marina, Sarno, Scafati, Sessa Cilento, Torraca, Valva e Vibonati.

    Sono questi i comuni che hanno approvato una delibera in cui si chiede l’istituzione di una nuova regione nella Provincia di Salerno, come proposto dal Presidente Cirielli.

    45 i comuni che hanno aderito alla proposta, un terzo della provincia, per una popolazione totale di 334mila abitanti. Raggiunto e superato dunque, il quorum necessario per l’indizione del referendum con i cittadini della Provincia che potrebbero andare alle urne, per decidere se restare autonomi o meno da Napoli, già nella prossima primavera.

    fonte:infoagropoli


    Articoli PrecedentiLamponi neri: efficaci nella prevenzione del cancro al colon
    Articolo SuccessivoBenvenuti al Sud. Proposto il gemellaggio tra Castellabate e Usmate V.

    Invia una risposta