Capaccio, ispezione Ragioneria dello Stato: compensi non dovuti a dirigenti comunali

    59
    0

    Elargite a dirigenti comunali somme non dovute ed illegittime dal Comune di Capaccio Paestum. È questo il dato che emerge dall’esito della visita ispettiva disposta dal Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato. L’ispezione è stata effettuata dal 17 al 31 dicembre del 2010, ma solo in questi giorni la relazione finale è stata consegnata al Comune. Le verifiche si sono focalizzate soprattutto sulle spese per il personale effettivo, gli incarichi professionali, il rispetto del patto di stabilità, l’indebitamento generale dell’ente, i crediti di gestione ed il risultato di amministrazione.

    La dotazione organica del Comune annovera un totale di 99 unità lavorative. I controlli effettuati sul personale dirigente ha consentito di scoprire che l’ente comunale ha versato illegittimamente delle somme che, in base alle disposizioni di legge, non dovevano essere liquidate. Il primo caso riguarda il segretario generale Andrea D’Amore, assunto con decreto nel 2004 e riconfermato nel 2007.

    Dal riscontro, è emerso che la retribuzione di posizione attribuita al segretario è pari a 2.145,29 euro mensili, così come stabilito dalla normativa per i Comuni dai 10.000 ai 65.000 abitanti e come pubblicato sul sito Internet del Comune di Capaccio nel rispetto della vigente normativa sulla Trasparenza. La contestazione per l’attuale segretario generale riguarda le somme versate in qualità di componente del nucleo di valutazione. Complessivamente, sono stati liquidati a D’Amore 49.987,60 euro. “I compensi – secondo quanto si legge nella relazione – sono stati erogati illegittimamente poiché non rientranti tra le voci retributive”.

    Il Comune dovrà provvedere, dunque, al recupero di quanto indebitamente corrisposto. Secondo gli ispettori del Ministero, deve restituire somme non dovutegli anche il direttore generale, Pasquale Silenzio, nominato con decreto nel 2007 con un compenso annuo di 84.000 euro. Dall’esame dei cedolini paga, infatti, è emerso che a Silenzio sono stati corrisposti ulteriori emolumenti in qualità di presidente del nucleo di valutazione: complessivamente, gli sono stati liquidati 43.838,65 euro. “I compensi – si legge ancora nella relazione – sono stati erogati illegittimamente, in palese violazione del principio legislativo dell’omnicomprensività della retribuzione dirigenziale espressamente sancito dalla legge. L’omnicomprensività del trattamento economico è  sancita anche in una deliberazione di giunta”.

    Anche in questo caso, il Comune di Capaccio deve recuperare quanto indebitamente corrisposto. Nel triennio 2004-2007, sotto l’Amministrazione retta dall’ex sindaco Vincenzo Sica, il Comune di Capaccio, con una deliberazione di giunta e con successivo decreto presidenziale, conferì l’incarico di direttore generale a Fabio Spagnuolo. Per lo svolgimento di tale ruolo, gli fu attribuito un compenso pari a 116.420.87 euro. Dall’esame dei cedolini paga, però, è emerso che a Spagnuolo sono stati corrisposti degli emolumenti, in qualità di componente del nucleo di valutazione, pari a 18.179,20 euro.

    Somme che, anche in questo caso, in base a quanto riscontrato dalla verifica ispettiva, sono stati “erogati illegittimamente in palese violazione del principio legislativo dell’omnicomprensività della retribuzione dirigenziale”. L’ente dovrà procedere in tutti i casi, dunque, con un’azione di recupero nei confronti dei dirigenti in questione, così come per parte delle somme versate al commissario prefettizio, Francesca Giovanna Buccino, che ha amministrato il Comune di Capaccio Paestum dal 1° febbraio al 31 maggio 2007, percependo un somma complessiva di 12.394,96 a titolo di indennità. “Verificata la misura dell’indennità corrisposta al commissario prefettizio – precisa la relazione – si evince che la stessa è stata illegittimamente erogata nella misura intera, mentre andava dimezzata”. Pertanto, il Comune dovrà procedere con il recupero di 6.538,32 euro.

    fonte:StileTv


    Articoli PrecedentiCicerale: svuotato il canile ‘Oasis Ciceralensis’
    Articolo SuccessivoPatate, il menù “povero” che fa salute

    Invia una risposta

    Please enter your comment!
    Please enter your name here