Altavilla. Non rispetta il divieto di avvicinarsi alla moglie e figlia, arrestato

    0

    Non rispetta l’obbligo di nonavvicinarsi alla moglie efiglia seguito di una sentenza del tribunale di Salerno e viene nuovamente arrestato. L’episodio è avvenuto in un frazione del comune di Altavilla Silentina ai danni di un artigiano 49enne, accusato di minacce verso la moglie. L’uomo già destinatario di un divieto di avvicinarsi ai familiari a seguito della condanna per maltrattamenti inflitta dai giudici della corte di Appello di Salerno.

    Denunciato dalla figlia per violenze sessuali, questo condannato in primo grado alla pena di 8 anni di reclusione, era riuscito a spuntarla in appello facendo decadere questa pesante accusa ma non quella per maltrattameti che gli era costata la condanna a due anni e 4 mesi nel maggio del 2013.

    Lo scorso luglio, dopo la scarcerazione dell’uomo, che aveva scontato due anni di pena nel carcere di Vallo della Lucania, era stato disposto nei suoi confronti il divieto di avvicinamento alla figlia e alla moglie. Ma, proprio il non aver rispettato tale disposizione dei giudici, al 49enne è stata aggravata la misura cautelare con la restrizione agli arresti domiciliari.

    Una brutta storia venuta fuori nel 2012 quando in quell’aprile, fu la denuncia della figlia dei presunti abusi sessuali subiti dal padre-orco a dare il via alle indagini. Aiutato del findanzato, la ragazza poco più che ventenne raccontò la sua sofferenza ai carabinieri di Eboli, che in breve tempo fecero arrestare l’uomo condannandolo col rito abbreviato.

    .

    Hits: 0


    Articoli PrecedentiAgropoli. Decesso sulla spiaggia di Trentova
    Articolo SuccessivoAlbanella. Tutto pronto per la II edizione di Una Giornata per la vita e per Vito